martedì 23 agosto 2016

Con le migliori intenzioni

Partenza per la montagna. Ecco che preparo la valigia "creativa". La valigia creativa deve contenere quello che penso mi servirà per creare fra i monti e quello che servirà e piacerà fare ai miei figli.
In genere mi porto solo due o tre cosette.


Quest'anno (ogni anno si cambia) abbiamo portato con noi:
-Acquerelli del Lidl ( quelli in pastiglie..ma attenzione perchè dai vestiti non si lavano!)
-pastelli acquerellabili Woody della Stabilo ( perfetti per i bambini al di sotto dei due anni ma anche per i "grandi", concentrano in se stessi le proprietà di un pastello a cera, di un acquerello e di una matita colorata, scrivono anche su vetro e plastica e sono perfettamente lavabili)
-pennarelli indelebili rossi e neri ( non si sa mai che non si voglia scrivere o disegnare su sassi o altri materiali in modo permanente
-gomme da cancellare di vari formati rigorosamente lisce e bianche. Ho saccheggiato lo scomparto di Frozen della Coop di fronte ad uno stuolo di bimbe bramose per accaparrarmi una decina di gomme lunghe con la faccia di Elsa. Queste gomme non servono assolutamente per cancellare, primo perchè cancellereste la faccia di Elsa con esiti pulp, secondo perchè si piegherebbero in due provocandovi contorcimenti digitali non piacevoli, Queste gomme hanno anche un anonimo utilissimo lato B che potete incidere, scolpire, bucare, intagliare, pitturare per creare, ad esempio, timbri personalizzati. 
- strumenti per incidere: io uso un kit costoso comprato via internet ma ho anche una versione economica presa da Tiger. Sono scalpellini per il carving. Da Tiger ho anche trovato dopo ricerche di anni le gomme grandi da incidere ( in America si trovano ovunque ma qui ancora non vanno di moda). Ho preso anche del caro vecchio adigraf verde e un tampone da timbri grande.
Questo tipo di esperienza di intaglio io la propongo a bambini dai 6 anni in su' .





Ho anche portato:
-Das, Dido' o similari da manipolare.
-colla stick, forbici, pennelli, matite.
-fogli bianchi e colorati a volontà.
-ho anche portato dei pastelli a cera a mattoncino comprati sul sito http://www.rudolfsteiner.it/
Visto che siamo in Alto Adige sono andata all'Athesia che è un paradiso di strumenti creativi anomali per una che abita nella profonda provincia Emiliana.
Ho comprato:
-una fustella che taglia cerchi da 9 cm
-fogli tondi colorati 
-perle di legno di tutti i colori ( vendono i sacchi misti di misure diverse)
-filo di ferro ricoperto di carta.
Tra tutti i materiali abbiamo sperimentato i mattoncini a cera creando  textures e mescolanze cromatiche. Il mio figlio più piccolo, che ha 2 anni e mezzo, ha giocato a strappare forme interessanti di carta e le ha incollate su un cartoncino.






Poi si è divertito a farmi disegnare animali tipicamente montani, ispirati alle varie forme strappate: squali, polipi, un luccio e altri pesci tropicali che si trovano ad alta quota.

Considerato il notevole bagaglio creativo portato da casa, avevo in progetto di proporre un sacco di attività mirabolanti ai bambini e invece hanno preferito fare questo:

Dopotutto anche pulire i funghi è un'esperienza polisensoriale stimolante.



Nessun commento:

Posta un commento

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.